Endodonzia - Odontoiatria & Ortodonzia
18605
page-template-default,page,page-id-18605,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive
 

Endodonzia

L’endodonzia è quella parte dell’Odontoiatria che si occupa della prevenzione, della diagnosi e del trattamento di malattie e lesioni della polpa dentale. La polpa dentale, comunemente indicata con il termine nervo del dente, è contenuta all’interno del dente ed è in realtà un tessuto connettivo altamente specializzato, contenente arterie, vene, terminazioni nervose e cellule connettivali.

I denti sono un bene prezioso. Conservarli in salute è una priorità.

A causa di carie profonde (con conseguente contaminazione batterica) o in seguito ad un trauma, si può verificare l’infiammazione e, in casi più gravi, l’infezione della polpa dentale: si va incontro alla pulpite. L’infiammazione, acuta o cronica che sia, si può propagare al di fuori della radice dentaria per poi diffondersi all’osso alveolare circostante; la diffusione dell’infiammazione porta alla formazione di lesioni definite ascesso o granuloma.
In questo casi, in cui il danno diventa irreversibile, l’unica alternativa all’estrazione del dente è la cura canalare (trattamento endodontico o devitalizzazione).

 

E’ necessario ricorrere alla devitalizzazione di un dente quando una carie si fa prossima al nervo causando spesso un dolore persistente o in quei casi di necrosi (morte) del dente dovuta a otturazioni troppo profonde o altri fattori esterni.

Attraverso strumenti appositi si alesano e disinfettano il canale o i canali radicolari, eliminando il loro contenuto di vasi e nervi.
I canali radicolari così preparati sono pronti ad essere sigillati con appositi cementi e un materiale inerte come riempitivo: la guttaperca.

 

I denti devitalizzati, soprattutto nei settori latero-posteriori sono più a rischio di fratture, per questo motivo si consiglia di ricostruirli protesicamente con una corona (capsula) che ricoprendo totalmente il dente garantisce maggiore resistenza.

La devitalizzazione riguarda la cura delle radici dei denti quando il nervo crea problemi di infezione o di vitalità, oppure quando si formano fistole o granulomi all’apice. Le cure canalari vengono svolte sotto controllo microscopico, con isolamento del campo operatorio con diga di gomma, con lavaggi continui con soluzioni a temperatura e composizione costante tanto da abbattere la carica batterica responsabile delle complicanze più gravi.

 

Lo standard di terapia comprende la strumentazione dei canali eseguita con tecnologia MAILLEFFER in titanio e chiusura con tecnica THERMAFILL .  [ altri dettagli ]

 

Fondamentale il concetto di ritrattamento ogni qualvolta viene individuato un dente precedentemente devitalizzato con cure endodontiche, protesiche o conservative incongrue.
Al termine del trattamento endodontico occorre rispettare le raccomandazioni del medico curante per limitare il dolore e i problemi post operatori.